Andrea Riccardi

Vincitore del Premio Scanno per i Valori

Al Professore Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio e autore, fra l'altro, di pregevoli saggi come "Il secolo del martirio". In particolare per l'impegno profuso negli anni per il dialogo tra le grandi fedi, la lotta contro la povertà e la fame nel mondo, la cura dell'Aids in Africa.

 

Al punto da diventare punto di riferimento anche dei Presidenti Bush ed Obama nel corso delle loro visite romane. Tanto più che il riconoscimento odierno fa seguito al prestigioso Premio europeo Carlo Magno, attribuito in passato anche a Giovanni Paolo II ed assume un particolare valore, perché  viene a cadere all'indomani del'Incontro interreligioso di preghiera per la pace, che si è tenuto proprio in questa settimana, con il titolo "Lo spirito di Assisi a Cracovia". 

Durante la manifestazione, organizzata in Polonia, nella ricorrenza dei settant'anni dell'inizio della seconda guerra mondiale e della follia nazista, i capi religiosi cristiani, ebrei, buddisti e di altre credi, oltre anche ai laici, sono andati, fra l'altro,  in pellegrinaggio al campo di sterminio di Auschwitz.

Per quella battaglia della memoria "senza la quale - come ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel - l'Europa non sarà mai sicura". In un richiamo a valori universali e condivisi: per un mondo meno egoista, più ecumenico, più solidale e più giusto, proprio a partire da quella notte dell'umanità.

Uniti in ciò che può unire, pur nelle diversità, lontani dalle crociate e dall'odio e certi, come ha detto lo stesso professore, che è "lo spirito a cambiare la storia".