Natalino Irti

Vincitore della XXXVIII edizione del Premio Scanno per il Diritto

Natalino Irti è stato professore universitario a Sassari, Parma e Torino.

Dal 1975 insegna all’Università di Roma “ La Sapienza”, dove attualmente è professore di Teoria Generale del Diritto.

É socio nazionale dell’Accademia dei Lincei.

È anche il Presidente dell’Istituto Italiano per gli Studi Storici, fondato da Benedetto Croce.

Ha pubblicato corsi di lezioni e libri di cultura filosofico-giuridica, che hanno suscitato grandi consensi e sono stati tradotti in lingue straniere.

Ha ricoperto vari incarichi nel sistema finanziario, tenendo per sette anni la presidenza del Credito Italiano.

Svolge la professione forense ed è tra gli arbitri più richiesti ed impegnati del nostro Paese.

Il vincitore commenta così l’assegnazione del Premio Scanno: “È soprattutto un ritorno alla memoria della figura di Riccardo Tanturri, fondatore del Premio Scanno, amico sensibile e accorto, fine letterato, generoso animatore di cultura”.

Menzione:


“Figlio della terra abruzzese, allievo di Emilio Betti, professore ordinario di Diritto Privato nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Roma “La Sapienza”, accademico dei Lincei e Presidente dell’Istituto di Studi Storici, Natalino Irti rappresenta in maniera esemplare il giurista del terzo millennio.
In tutta la sua attività scientifica e professionale Egli ha infatti saputo unire in maniera incomparabile la dottrina del giusprivatista con l’acuta sensibilità dello storico,, nella continua ricerca dei mutevoli rapporti tra individuo, mercato e istituzioni pubbliche, traguardando i confini della statualità e seguendo con occhio sicuro, le rotte della globalizzazione”